logo-nch-udine Neurochirurgia

 

Home page

Adenomi Cisti aracnoidee Cisti colloidi Colesteatomi Condromi Cordomi Craniofaringiomi Emangioblastomi Gangliocitomi Germinomi Gliomi Linfomi Medulloblastomi Meningiomi Metastasi Neurinomi Neurocitoma Papillomi Pinealomi Tumore glomico Tumori dermoidi

 

Malattie e disordini neurochirurgici

 

Tumori intracranici

Germinomi

 

 

 

 

 

Questi tumori originano da cellule germinali.
Sono tumori assai maligni, crescono rapidamente infiltrandosi e tendono a diffondere attraverso le vie liquorali.
Si localizzano nelle regioni pineali e soprasellari. 

Compare comunemente nell'età giovanile e nel sesso maschile.
Rappresentano il più frequente tumore della regione pineale, circa il 50%.
Sono i tumori delle cellule germinali intracranici più frequenti (65-72%). 

I tumori della regione pineale causano sintomi indicanti ipertensione endocranica, prodotta dall'idrocefalo, come cefalea e vomito, e disturbi visivi.
Se il tumore ha una localizzazione soprasellare si hanno disturbi visivi ed alterazioni ormonali. 

Nel 40-50% dei casi i germinomi secernono gonadotropina corionica, che può essere rilevata nel sangue mediante dosaggio radioimmunologico. Il livello plasmatico di questo marker è in relazione con la crescita e la regressione del tumore. Anche l'esame del liquor mostra la presenza di cellule maligne in un'alta percentuale di casi.
I tumori delle cellule germinali sono i soli tumori primitivi dell'encefalo che possono essere diagnosticati da markers tumorali trovati nel liquor o nel sangue. I markers sono: alfa-feto-proteina, fostatasi placentare alcalina e gonadotropina corionica umana. Più comunemente i markers sono usati per monitorare l'efficacia della terapia ed individuare la ricorrenza.
La Risonanza Magnetica visualizza la massa intracranica, ne definisce i contorni ed i rapporti con le strutture viciniori. 

L’opzione chirurgica va sempre considerata, ma spesso è sufficiente una conferma istologica poiché questi tumori sono radiosensibili è quindi possono essere avviati alla radioterapia. 

L'idrocefalo rende necessaria una derivazione liquorale.
Trattati con radiochirurgia e derivazione liquorale, i pazienti hanno sopravvivenze anche lunghe. 

 

 Avvertenze   Info

 

Copyright © 2000-20010 new MAGAZINE