logo-nch-udine Neurochirurgia

 

Home page

Adenomi Cisti aracnoidee Cisti colloidi Colesteatomi Condromi Cordomi Craniofaringiomi Emangioblastomi Gangliocitomi Germinomi Gliomi Linfomi Medulloblastomi Meningiomi Metastasi Neurinomi Neurocitoma Papillomi Pinealomi Tumore glomico Tumori dermoidi

 

Malattie e disordini neurochirurgici

 

Cisti aracnoidee

 

 

 

 

 

Sono anomalie congenite che originano durante lo sviluppo per un alterata separazione della membrana aracnoidea. Sono situate in uno sdoppiamento dell'aracnoide e contengono liquor limpido. Quasi tutte le cisti aracnoidee sono in relazione con una cisterna dello spazio subaracnoideo. Le più comuni localizzazioni sono nella fossa media, vicino al lobo temporale, o in sede soprasellare, vicino al terzo ventricolo. Comunque, le cisti possono essere trovate ovunque entro il compartimento intracranico, inclusa la fossa cranica posteriore. Sede particolare di localizzazione cistica, di riscontro occasionale alle indagini neuroradiologiche, è il setto pellucido. 

Possono presentarsi sia negli adulti che nei bambini. La frequenza è difficile da stimare in quanto le segnalazioni sono sporadiche. 

Le cisti piccole sono in genere asintomatiche, mentre quelle voluminose danno sintomi, modesti e di lunga durata, e segni dipendenti dalla localizzazione e legati ad un meccanismo di processo occupante spazio. I tipici sintomi includono: cefalea, nausea, vomito, sonnolenza, crisi epilettiche, deficit focali. Nei bambini più piccoli possono essere presenti protrusioni nel cranio determinati dalla cisti. In alcuni bambini si osservano anche ritardo psicomotorio e turbe comportamentali. Le cisti soprasellari possono dare, inoltre: idrocefalo per l'ostruzione della normale circolazione liquorale, sintomi endocrini (per esempio, ritardo dello sviluppo), disturbi visivi. 

Sono rilevate dalle indagini con Tomografia Computerizzata e Risonanza Magnetica. 

Le cisti aracnoidee asintomatiche non richiedono trattamento. Il trattamento chirurgico, riservato ai casi sintomatici e con grave effetto massa, consiste nella fenestrazione della cisti negli spazi subaracnoidei o nella sua asportazione o nella derivazione liquorale. La tecnica usata può valersi dell’uso del neuroendoscopio

Sono lesioni che possono incidere sulla qualità della vita, non certo sulla sua durata. 

 

 Avvertenze   Info

 

Copyright © 2000-20010 new MAGAZINE